Faccio le #OrePiccole

Cavolo popolo del web se ho sonno! Anche ieri ho fatto le ore piccole! E si, c’ho quasi 30 anni ma ho ancora la forza, la voglia ed il coraggio di fare le ore piccole. E chi se ne frega che domani lavoro, che domani ho un treno o un volo all’alba, un appuntamento alle 8, che devo fare le analisi del sangue. Io esco lo stesso. Perché voglio vedere quegli amici che magari non vedo da tempo, e che forse chissà poi quando rivedrò. Perché voglio farmi pervadere da quell’ebrezza di un’eterna giovinezza e amichevole fratellanza provocata da un’uscita che si protrae sino a notte fonda. Perché voglio una bionda piccola. Perché non so dire di no. Perché non so resistere alle chiacchere, quelle lunghe, quelle dove non contano le lancette dell’orologio che avanzano a gambe levate nell’oscurità. Perché ingenuamente credo che basteranno un paio di ore di sonno a notte per farmi rinascere. E invece no! L’indomani sono una zombie e basta uno sbadiglio di troppo a ricordarmi che la bella età se ne è bell’andata. Ciao proprio! Non connetto, non trovo la concentrazione, penso solo che vorrei dormire, sprofondare con la chioma nel cuscino, sognare. E ho bisogno di almeno tre giorni per ritrovare di nuovo le forze, per recuperare la nanna persa, perché la stanchezza non molla, la stanchezza perdura, la stanchezza logora. Ecco, non sono proprio più quella di una volta! Quella mia energia che pensavo essere inesauribile, si sta lentamente consumando. Dovrei trovare un modo per rinnovarla. Forse dovrei dormire di più. Ma ora non ho tempo, i miei amici mi stanno aspettando in piazzetta, ed io soffro di iperattivismo cronico.

Annunci
Faccio le #OrePiccole

#MFW2016 F/W: what’s in

Milano Fashion Week.

Per la cronaca, giusto solo per la cronaca, ecco quali tendenze dovremo ipoteticamente vestire o disgraziatamente sorbire nel prossimo venturo autunno-inverno 2016-2017. É qui che si decide tutto. L’unica certezza assoluta, senza ombra di dubbio, è l’eccesso, che da sempre fa da padrone nelle sfilate di sempre.

Look curvy-friendly, abbondanti, ampi (ma alloggiati su corpi troppi esili), che nascondono rotondità troppo sinuose, maxi coat e maxi pull, maxi dress e maxi bag, senza rinunciare ad un magico tocco di femminilità, che con cromie romantiche esplorano i meandri della creatività assoluta. Un viaggio bizzarro nel tempo, a partire dal Rinascimento sino a sfiorare con gusto gli anni ’30 e ’70, esplorando grunge e street style. Rombi survivor, pizzi, paiettes. Cappelli eccentrici e sportive borse a tracolla. Fantasie uscite da fantasie oniriche.

Sul podio della moda internazionale troviamo ancora il Made in Italy che detta legge in fatto di stile. E per la prima volta, la Camera Nazionale della moda presenta le linee guida sui requisiti eco-tossicologici per abbigliamento e accessori con l’obiettivo di ridurre l’utilizzo di determinati gruppi di sostanze chimiche.

L’eleganza primeggia sulla passerella di Giorgio Armani che chiude la kermesse milanese con look black velvet, soft, sobri e che profondono stile.

Sono forse 50 le sfumature di rosso per Laura Biagiotti mentre fatata è l’intuizione modaiola di Dolce & Gabbana.

Prada opta per look safari, che raccontano di donne e di avventure.

Alberta Ferretti punta su di una femminilità un po’ naif e tanto retrò.

Philosophy predilige le trasparenza; Max Mara invece stupisce con semplicità e con eleganza. E lo fa ispirandosi al movimento artistico e architettonico del Bauhaus, con essenziali grafismi colorati e capi dalle forme semplici ed estremamente gradevoli.

Gucci eccede e trabocca con paiettes, frange, piume, stampe, balze, colori.

image

Nudità e amenità.
Che poi ai più è anche un alquanto inutile assistere (anche solo in maniera virtuale) a sfilate dove vanno in scena abiti troppo lunghi, troppo estrosi, troppo trasparenti, inadeguati alla quotidianità, inappropriati alla vita di sempre, eccessivi e scoordinati nelle loro contrastanti combinazioni. Che se tipo provi ad andare a prendere anche solo al volo un caffè al bar conciata in quel modo, il barista il caffè forse te lo tira addosso, almeno sei costretta a correre a casa per cambiarti d’abito! Che se tipo incontri per caso Enzo e Carla per strada gli fai andare entrambi in shock anafilattico. E se ti becchi con un’amica a pranzo, lei appena ti vede sviene, e non per la fame. Capi che potrebbero avere il benestare se presi singolarmente, precipitano vorticosamente nel gusto dell’orrido e nell’etichetta del trash se abbinati in maniera così impropria, così svitata! Capi che non indosseremo forse mai, vuoi per una mancata manciata di coraggio, vuoi per un costo esorbitante. Impertinenti stilisti talvolta non si curano del gusto comune, prediligono accostamenti estremi e sfiorano l’inaccettabile.

La moda è fatta per andare fuori moda. Ma loro per ora sembrano, delle volte, andati fuori di testa.
È solo un teatro di stile. A volte aleatorio. Ma non disdegnerei affatto qualcuno di quei capi nel mio umile guardaroba!

#MFW2016 F/W: what’s in

#Cosmoprof waiting for

Ci siamo. Il cuore batte e l’attesa cresce ma il tempo si accorcia, ed ecco che manca poco meno di un mese all’unica vera manifestazione emblematica in campo di beauty e di make-up: il Cosmoprof è alle porte!

Dal 17 al 21 marzo la città di Bologna ospiterà, ancora una volta, nel Quartiere Fieristico, la 49a edizione della manifestazione dell’industria cosmetica mondiale: il COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA.

Organizzata da BolognaFiere SpA in collaborazione con Cosmetica Italia e con il supporto di ICE_Agenzia per la Promozione all’Estero e l’Internazionalizzazione delle Imprese Italiane e del Ministero per lo Sviluppo Economico, ospiterà ben oltre 2500 aziende cosmetiche, di cui circa il 73% proveniente dall’estero e 25 Collettive Nazionali, le quali si apprestano energicamente ad occupare lo spazio fieristico ed a colmarlo con eclatanti colori, profumati odori e magnetiche impressioni. Nuovi espositori, operatori professionali e qualificati ricercatori, sono pronti ad espletare il loro know-how; workshop, convegni ed eventi delizieranno tutte e cinque le giornate.

Molte saranno inoltre le novità dell’edizione 2016: un’area dedicata al benessere e alle tendenze nel settore Spa, la Cosmoprof Wellness, che ci donerà attimi di puro piacere e di intenso relax, permettendoci un’immersione in un percorso Spa e una piacevole cascata di parole con relatori del settore nello spazio convegni; Halal Beauty Care & Spa, un’intera area espositiva riservata ad aziende nazionali e internazionali produttrici o distributrici di prodotti certificati Halal (“leciti” in arabo); il 1° Cosmoprof Barber Show, organizzato in collaborazione con la Camera Italiana dell’Acconciatura (Ma che davero? Quindi esiste davvero?), porterà in scena esibizioni di giovani talentuosi barbieri che presenteranno nuovi look di tendenza in fatto di barbe, espressione di una mascolinità remota dal sapore vintage, cosa che in questo clima in fermento tra hipsterie e ritorno al passato, risulta essere quanto mai attuale e gettonata; dimostrazioni live per la 1a edizione di Make Up On Stage porteranno nelle giornate di venerdì 18 e sabato 19 marzo le make-up artist Fabienne Rea e Monica Zanelli a realizzare delle esuberanti sezioni di trucco che prevedono l’utilizzo di prodotti freschi freschi, provenienti direttamente dagli espositori italiani di lancio ivi presenti; Not-to-be-missed, una selezione dei migliori prodotti scelti dal magazine ELLE in base alle novità presenti in fiera; infine si terrà il primo workshop Retail & Beauty by Largo Consumo, dedicato ai canali distributivi e agli operatori di settore del mondo beauty.

Tante saranno ancora le conferme: IoSposa Bridal Hair & Nail Art Inspiration esibisce quanst’anno le più trend nail art per ogni sposa che si rispetti e la 7a edizione di On Hair, porta sul palco hair designer internazionali di altissimo livello, pronti a mettere in scena il loro estro più bizzarro.

L’edizione 2016 di Cosmopack, la manifestazione che coinvolge l’intera filiera produttiva della cosmetica, dalle materie prime alla formulazione, dai macchinari al packaging, si annuncia altrettanto ricca di innovative iniziative e si volgerà in concomitanza con Nuce_Health World Expo, il salone internazionale per l’industria nutraceutica, cosmeceutica, functional foods & beverages e health ingredients, che avrà luogo a Bologna il 17 e 18 Marzo 2016 presso il Palazzo dei Congressi di Fiera Bologna. Cresce intanto l’attesa per la The Cosmopack Factory, l’installazione che presenta ogni anno gli step produttivi dei più importanti prodotti cosmetici, dove protagonisti indiscussi saranno le nuove tecnologie e i materiali più innovativi. Per l’edizione 2016 sarà realizzata la Cream Factory, che mostrerà le fasi principali della produzione di un siero perfezionante illuminante, il Cosmopack Optimoist Perfectionist Serum, dalla texture leggera e impalpabile. E torna ancora una volta il The Cosmopack Wall 2016_Theavant-garde edition, volto a premiare prodotti skincare e make up che spiccano per la loro formulazione e per il packaging involutivo, nonchè per la tecnologia e il design rivoluzionari di rilievo.

Globale e cosmopolita, innovativa e sperimentale, sostenibile e naturale, virale e dinamica, questa edizione del COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA cercherà di sorprenderci ancora, svelando all’immenso pubblico il top dell’innovazione cosmetica con la presentazione di tutte le novità assolute e internazionali del settore.

Un avanguardista occhio di riguardo, prontamente rivolto all’ecosostenibilità, che mira alla divulgazione di una cosmesi tendente sempre più al naturale e alla scelta di un’accurata selezione di materie prime certificate e altamente qualificate, volte ad indurre un positivo uso e abuso di prodotti di origine vegetale e minerale, caratterizza il sensibile fiuto degli organizzatori della manifestazione, che scovano le novità più verdi in fatto di prodotti per la bellezza e le espongono con cura nella Extraordinary Gallery.

Chi bella vuole apparire, al Cosmoprof deve venire!

L’imperativo dell’ambita bellezza perfetta e il misterioso arcano dei più arcani segreti per cercare di raggiungerla saranno svelati al Cosmoprof. E non importa che tu sia Clio Make up o meno: tu ne sarai magneticamente attratta comunque, tu lo visiterai entusiasta, tu ne resterai estasiata!

Perché noi donne, si sa, ce l’abbiamo nel DNA la passione per trucco e parrucco: la cura del nostro corpo è per noi un piacevole seme intrinseco ed in fermento da coltivare con fermezza, da innaffiare con costanza, per ottenere degli ottimi frutti, sodi e duraturi nel tempo. E poi anche gli uomini e i presunti tali potranno giovare della manifestazione e fare tesoro di consigli e novità, di trucchi e trucco per la cura anche della loro di persona.

Beauty blogger e non, beauty addict e fashion snob, uomini e donne, etero e gay, gender e transgender, accorrete a scoprire la pozione per un involucro perfetto! Perchè soprattutto l’occhio vuole la sua parte.

Save the date:
• COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA_17-21 Marzo 2016_Quartiere Fieristico_Bologna

Per maggiori info: Cosmoprof 2016

E vissero tutte felici e contente!

#Cosmoprof waiting for

Ciao Darwin, ciao #Barbie

La rivoluzione sta arrivando. Il mondo di Barbie sta cambiando. La bellezza sta cambiando.

Tenetevi forte perchè da marzo 2016 l’ideale stereotipato di allusiva perfezione che, sin dalla nostra tenera età, ci propugnava concetti e preconcetti di una bellezza aleatoria, cede alla realtà e si piega a dimostrare che la bellezza in fondo ha diverse taglie, diverse altezze, diversi colori di pelle e di capelli, diverse sfumature. La bellezza oggettiva, che esula da passibili gusti soggettivi, viene alterata da una realtà non più celata. Ecco che arrivano, con grande stupore e in un estremo ritardo societario, la Barbie curvy (forse troppo poco curvy), la tall e la petite, in varie declinazioni, ma sempre tendenzialmente estremamente fighe, fighette e fighettine.

Il mondo è bello perchè è vario, no?!

Ecco il link del video che nelle ultime settimane ha emozionato il popolo web tinto di rosa, piccolo o grande che sia:

L’evoluzione di Barbie

img_6664

 

 

Ciao Darwin, ciao #Barbie